Site Overlay

Prospettive comportamentali, neurofisiologiche ed evolutive sul sonno unihemisferico

Diversi animali mitigano il conflitto fondamentale tra sonno e veglia impegnandosi nel sonno unihemisferico, uno stato unico durante il quale un emisfero cerebrale dorme mentre l’altro rimane sveglio. Tra i mammiferi, il sonno unihemisferico è limitato alle specie acquatiche (cetacei, foche e lamantini). A differenza dei mammiferi, il sonno unihemisferico è diffuso negli uccelli e può anche verificarsi nei rettili. Il sonno unihemisferico consente di affiorare per respirare nei mammiferi acquatici e di rilevare i predatori negli uccelli. Nonostante l’apparente utilità nell’essere in grado di dormire unihemisferically, pochissimi mammiferi dormono in questo modo. Ciò è particolarmente interessante dal momento che gli antenati dei rettili ai mammiferi potrebbero aver dormito unihemisferically. La relativa assenza di sonno unihemisferico nei mammiferi suggerisce che esiste un compromesso tra sonno unihemisferico e altre funzioni cerebrali adattive che si verificano durante il sonno o la veglia. Presumibilmente, i benefici del sonno unihemisferically superano solo i costi in circostanze estreme come dormire in mare. In definitiva, una maggiore comprensione delle ragioni del piccolo sonno unihemisferico nei mammiferi promette di fornire informazioni sulle funzioni del sonno, in generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.